L'insondabile tempismo della provvidenza

Anche quella volta era sabato, anche quella volta era la penultima tappa di un grande giro, anche quella volta era Roglič il leader della classifica generale.

Categoria: 

La testa sul manubrio

«Per rispetto di tutti coloro che mi hanno supportato negli anni, avrei voluto scrivere un post di qualche riga per dire che mi ritiro. Ma non ne sono stato capace. Ho sentito spesso parlare di “piccola morte” quando un corridore si ritira, e per me era una cosa astratta.

Categoria: 

Un secondo di troppo

William Barta, detto Will, ha ventiquattro anni e viene da Boise, la capitale di uno stato americano famoso per le patate, per le Montagne Rocciose, per Aaron Paul e per l’origine del proprio nome (che pare derivi da una specie di burla), certo non per la sua tradizione ciclistica: l’Idaho.

Categoria: 

The one that got away

Hugh Carthy va in bici perché in tutto il resto - parole sue - fa schifo.

Categoria: 

[Fiandre2020] Talento e forza bruta insieme

Gli ultimi trentacinque chilometri del silenzioso Fiandre del 2020 partono da lontano: parlano della storia di Van der Poel e Van Aert, gli unici in grado di rispondere, in tempi diversi, allo spunto del campione del mondo.

Categoria: 

[Liegi2020] Un maldestro tentativo di predica

Si sa, gli anziani sono abitudinari.

Categoria: 

[Imola 2020] Interpretazione libera

Svelato nel giorno in cui Alaphilippe ha perso la maglia gialla, il percorso di Imola si è presentato da subito ai suoi occhi come un grande foglio da riempire. E mentre qualche funzionario in Romagna faceva i calcoli sulla quantità di bitume necessaria per riasfaltare le strade di Gallisterna, Alaphilippe ha cominciato a immaginare il proprio contributo da immortalarvi.

Categoria: 

[Imola 2020] Beastmode

Nello slang statunitense esiste un termine che indica la capacità di compiere diverse attività senza perdere energie e concentrazione, come farebbe un animale concentrato sulla preda: beastmode. Come vincere un Giro e due titoli mondiali nella stessa settimana, come Anna van der Breggen nel 2020.

Categoria: 

[Imola 2020] Nello stesso posto

Il destino in genere segue percorsi strani, eppure a volte si incammina su strade ben segnate, quasi abituali. Oggi Davide Cassani ha conquistato il suo primo mondiale da commissario tecnico nello stesso posto in cui decise di diventare un corridore, più di 50 anni dopo.

Categoria: 

Merci (in chiusura di Tour de France)

L'affollamento del calendario di questa strana stagione ci vede già alle prese con i mondiali di Imola , ma lasciateci tornare ancora una volta a quello che è successo fino a domenica scorsa. Per ringraziarvi.

Categoria: 

Pagine