Evaldas Šiškevičius ci tiene a finire le cose – e le corse – per una forma nobile e antica di rispetto. Lo aveva fatto con la Roubaix nel 2018, lo ha rifatto ieri, arrivando un'ora prima.

La Parigi-Roubaix è un progressivo avvicinamento a qualcosa di inesorabile, un precipitarsi affannoso verso una pista dove il tempo si ferma e tutto prima o poi viene inghiottito. Un buco nero, da cui si emerge in una dimensione differente.

Alberto Bettiol si sfila gli occhiali, Sebastian Langeveld alza le braccia al cielo. Due puntini rosa con l'arancio delle cinque del pomeriggio sullo sfondo. Vincitori del Giro delle Fiandre.

Un giovane barbiere sconosciuto, una porta che si apre ed entra un vecchietto un po' curvo con la faccia da sioux. L'attesa del Giro delle Fiandre, tagliandosi i capelli insieme a Felice Gimondi.

Siamo nel pieno della stagione delle classiche di un giorno, ma tra un pavé e una côte ci aspetta anche una piccola corsa a tappe: dal prossimo fine settimana torniamo un po' sulle strade, a parlare di biciclette e utopia!

Se venite a trovarci vi confidiamo i nostri pronostici per la Parigi-Roubaix ;)

Se Kristoff fosse un mezzo agricolo sarebbe un voltafieno ingombrante: ottanta chili e una maglia talmente stretta che pare sul punto di lacerarsi a ogni affondo sui pedali. Ancora vincente, grazie ad una corretta manutenzione.

1952 - FAUSTO DOPO SERSE

Al chilometro 139 della Milano-Sanremo ogni anno c'è un ritrovo unico. Il raduno di un gruppo di appassionati riuniti da un cuoco con alle spalle una storia particolare, e con in pentola un risotto straordinario.

13 Luglio 2018. Fougères – Chartres, 231 km.
Vincitore: D. Groenewegen. Maglia gialla: G. Van Avermaet.

Si dice che il motto della Nobile Contrada dell'Oca nasca dalla leggenda delle oche del Campidoglio, che con il loro starnazzare avvertirono i Romani dell'imminente assalto dei Galli. "Clangit ad arma", dunque. Chiama alle armi. Un appello alla battaglia e insieme un promemoria: mai tralasciare il benché minimo particolare. È sufficiente qualche pennuto sveglio di notte a vanificare una strategia di guerra.

Pagine